Il gioco dello specchio

Putin sa che Trump sa di sapere cosa pensa Putin e viceversa. La Siria è roba russa e le sceneggiate degli alleati servono solo ad uso politico interno. In 7 anni di guerra civile sono state stimate più di 450.000 vittime. Solo i fessi, che costituiscono buona parte dell'opinione pubblica, possono credere ancora agli americani, come i difensori del diritto internazionale, i difensori della vita e della dignità umana, i giustizieri tra le nazioni.
Certo dobbiamo anche ringraziare Putin, che permette queste scorribande e sceneggiate, lasciando correre. E' un segno di grande saggezza e forse l'unico che mostra di essere un grande politico e stratega nello scacchiere internazionale. Ci fosse stato un Kruscev al comando, non dico Stalin, oggi saremmo già nel pieno della terza e definitiva guerra mondiale. Putin sa, che Trump sa che Putin consente le sceneggiate...ma se e solo se queste rimangono tali.
Alle guerre, quelle vere, quelle che riportano ordine e disciplina nella storia c'ha sempre pensato la Russia.

<<Lo so che tu lo sai... Tu sai che io lo so..>>.

Lascia un commento